I CORSI DI LETTURA SEDUTTIVA

 

Se qualcuno ha fascino, ha potere attrattivo o seduttivo, possiamo restare incantati. L’obiettivo è proprio questo: sedurre con la lettura e lasciare incantati.

 

La nostra voce è uno strumento che sa attrarre, respingere, accarezzare, ferire, riscaldare. E anche sedurre e incantare. Noi siamo la nostra voce, così come siamo il nostro corpo, i nostri pensieri, le nostre emozioni.

 

Ecco allora che leggere ad alta voce sarà strumento di “seduzione” verso chi ci ascolta e, nel contempo, veicolo per la scoperta di sé. Dove “sedurre”, naturalmente, è da intendere nella sua accezione più ampia: quella di avvincere, di condurre a sé, di affascinare.

 

L'attenzione sarà posta soprattutto sulla consapevolezza del nostro corpo, dei nostri pensieri e delle nostre emozioni, con particolare attenzione alla verità delle cose. Perché non stiamo leggendo sul divano di casa: stiamo raccontando una storia a un pubblico che ci ascolta e che si vuole emozionare. Anche se, per farlo, ci serviamo di un libro…


Il percorso è rivolto a chiunque:
- attori che vogliano migliorarsi;

- insegnanti che vogliano zittire studenti ingestibili;

- relatori che vogliano interessare corsisti annoiati;

- genitori che vogliano addormentare bambini insonni;
- lettori di chiesa che vogliano destare fedeli assopiti;

- bibliotecari con carenza di utenza;
- persone curiose di sé e degli altri...

Programma

TUTTI SUONIAMO UNO STRUMENTO: LA NOSTRA VOCE

- La voce ha un ritmo

- La voce ha un colore

- La voce ha un tono e un volume

 

FAR CASO ALLE PAROLE

- Parlare bene: pronuncia e dizione (rudimenti: la dizione, da sola, non seduce)

- Le inflessioni dialettali: chi ha detto che son brutte?

 

IL PUBBLICO, QUESTO BABAU

- L'emozione di fronte al pubblico (e a se stessi…)

- Non sentirsi all'altezza: quell'irrefrenabile voglia di scusarsi

- Catturare l'attenzione

- Hai sbagliato? Sfrutta l'errore

- Sei consapevole di quanto sta accadendo? Ascolta corpo, testa e cuore.

 

VENIAMO ALLA SOSTANZA

- Analisi del testo: hai capito quello che stai dicendo?

- Il rispetto del testo: non sempre funziona

- Non stai leggendo: stai raccontando una storia che sai

- Non sei invisibile: hai una faccia e un corpo

- Non è cinema, ma servono le immagini

- Le pause: quella maledetta voglia di finire

- Le parole che non ti ho detto: il sottotesto

- La seduzione della lentezza

- La seduzione del silenzio

 

GRAN FINALE

- Piccolo saggio teatral-letterario

 

COMPITI PER CASA

- Portare un breve racconto (1-2 pagine, anche un incipit, sui 4 minuti), da leggere

- Portare una canzone (anche un jingle o una ninna nanna)

PROSSIMO EVENTO

NEVE

 
 
di e con
GIOVANNI BETTO
 
regia
MIRKO ARTUSO
 
 
lunedì 10 dicembre 2018
ore 20.30
 
 
TREVISO
Casa dei Gelsi
 

CONTATTI

Info:  +39 347 8217393

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Giovanni Betto - Conegliano